Cosa fare

Gran parte dell’Alaska è terreno demaniale e lo stato è quindi un vero paradiso per gli escursionisti, patiti di pesca e amanti delle attività all’aperto. Trekking, scalate, sci, rafting, kayak e osservazione delle balene sono alcune delle possibilità.

Chi ama gli sport estremi non deve perdersi il rafting sul fiume Nenara, lungo il confine orientale del parco. Il parco è aperto da metà maggio a metà settembre e offre un bus navetta per raggiungerlo ( da prenotare in anticipo). Alcuni effettuano il ritorno dall’Eilson Visitor Center, che offre un bel panorama del Mount McKinley. Altri proseguono fino al Wonder Lake a 40 km dal monte. Il viaggio di andata e ritorno dura 13 ore (150km).

Molti uffici del turismo danno informazioni sulle vacanze all’aria aperta in tutta l’Alaska.

Eventi e festività

Ci sono diversi eventi che si svolgono in Alaska nelle diverse stagioni dell’anno. La primavera è il momento della celebre Iditarod Trail Sled Dog Race, corsa con cani da slitta tra Ancorage e Nome. Ad aprile si tiene l’Alaska Folk Festival a Juneau. L’Alaska State Fair (agosto) di Palmer è nota per gli zucchini e i cavoli, che raggiungono dimensioni da record mondiali grazie alle 24 ore di sole al giorno.

Il 18 ottobre ricorre l’Alaska Day Celebration, che commemora  l’acquisto della regione dalla Russia e si tiene nella cittadina di Sitka.