Trasporti e comunicazioni

Gran parte della regione ha un servizio pubblico di pullman affidabile ma limitato.

La comoda St. Louis Metrorail è l’unico servizio pubblico su rotaie.

L’auto è il mezzo migliore per visitare la zona, viste le distanze esistenti tra molti luoghi di interesse turistico.

Per viaggiare in sicurezza sono necessarie alcune precauzioni. Le cinture sono obbligatorie per chi guida e per chi viaggia sui sedili posteriori.

Anche i seggiolini omologati per bambini sono obbligatori.

Il casco è obbligatorio per chi viaggia in moto in alcuni stati, in particolare se si hanno meno di 18 anni.

I limiti di velocità variano ma di solito sono tra 70 e 75 miglia all’ora, ovvero 112-120 km/h sulle strade statali e autostrade.

Sicurezza

Le Grandi pianure sono un territorio famoso per le gigantesche trombe d’aria che si manifestano soprattutto nell’area detta “Tornado Alley”. In inverno le tempeste di neve sono molto frequenti, per questo è sempre bene informarsi sulle condizioni metereologhe prima di intraprendere un viaggio in queste zone.

Passaporto e visti

A partire dal 12 gennaio 2009 è previsto il Visa Waiver Program, che consente di viaggiare senza il visto,  che richiede un’autorizzazione al viaggio elettronica, (ESTA -Electronic System for Travel Authorization) prima di salire a bordo del mezzo di trasporto, aereo o navale, in rotta verso gli Stati Uniti.
La procedura, molto semplice e rapida, è illustrata sul sito dell’Ambasciata U.S.A.

Dal 1 aprile 2016 i passaporti validi per recarsi negli USA con il Visa Waiver Program sono solo quelli elettronici. Hanno una numerazione a 9 cifre, di cui 2 lettere e 7 numeri (i primi emessi sono della serie AA).

I minori per beneficiare del Visa Waiver Program devono essere in possesso di passaporto individuale.
Restrizioni per coloro che hanno viaggiato in Libia, Somalia, Yemen, Sudan, Siria, Iran ed Iraq dopo il 1° marzo 2011: non posso usufruire del sistema Visa Waiver Program e  devono fare domanda di visto USA.

Qualora il viaggio sia avvenuto per motivi ufficiali, è possibile registrarsi con ESTA rispondendo alle domande relative al viaggio intercorso dopo il primo marzo in uno dei sette paesi sopra menzionati: in caso di diniego della registrazione ESTA, si dovrà procedere alla domanda di visto USA.

Requisiti per richiedere l’autorizzazione “Visa Waiver Program” sono:

-viaggiare esclusivamente per affari e/o per turismo;
-rimanere negli Stati Uniti non più di 90 giorni;

-possedere un biglietto di ritorno.
In mancanza anche di uno dei requisiti elencati, è necessario richiedere il visto. Ricordiamo che il passaporto deve essere in corso di validità: la data di scadenza deve essere successiva alla data prevista per il rientro in Italia.

Indirizzi e numeri utili

Numero di emergenza: 911

CONSOLATO ITALIANO A CHICAGO

Aree di competenza: Colorado, Illinois, Iowa, Kansas, Minnesota, Missouri, Nebraska, North Dakota, South Dakota, Wisconsin, Wyoming.

 

Indirizzo: 500 North Michigan Avenue, Suite 1850 – Chicago, Illinois 60611

Orario: 9.00-12.30, dal lunedì al venerdì

Tel: +1 312 4671550

Fax: +1 312 4671335

E-mail:  centralino.chicago@esteri.it, italcons.chicago@esteri.it

Sito web: www.conschicago.esteri.it

Aree di competenza: Colorado, Illinois, Iowa, Kansas, Minnesota, Missouri, Nebraska, North Dakota, South Dakota, Wisconsin, Wyoming

 

CONSOLATO ITALIANO A HOUSTON

Aree di competenza: Arkansas, Louisiana, Oklahoma, Texas

Indirizzo: 1300 Post Oak Boulevard Suite 660 – Houston, Texas 77056

Orario: 9.00-12.00, dal lunedì al venerdì

Tel: +1 713 8507520

Fax: +1 713 8509113

E-mail:  italcons.houston@esteri.it

Sito web: www.conshouston.esteri.it

 

 

Curiosità

La parte meridionale delle Grandi Pianure giace sopra l’acquifero di Ogallala, un vasto strato di acqua sotterraneo che risale ai tempi dell’era glaciale.

Questo territorio così vasto registra una densità demografica molto bassa: 6 persone per miglio quadrato. In molti casi si hanno meno di 2 persone per miglio, infatti ci sono più di 6.000 città fantasma nel solo Stato del Kansas.

Il nome “black Friday” ovvero, venerdì nero, che rimanda a qualcosa di negativo, ha avuto origine a Philadelphia ed era riferito al forte traffico di quel giorno.

Gastronomia

Kansas City-style ribs (Missouri)- costine di maiale al forno in salsa tipica.

Fried okra (Oklahoma)- è un piatto a base di okra (una specie di fagiolo) impanata con la farina di mais e poi fritta.

Bull testicles (Montana)-  i testicoli di toro vengono fritti e serviti con una salsa piccante.

Fried catfish (Arkansas)- è un piatto a base di pesce-gatto fritto.

Cowboy cookies (Colorado)-  biscotti tipici del Colorado a base di cioccolato, avena e noci Pecan.

Chicken-fried steak (Wyoming)- filetto di pollo fritto e ricoperto di besciamella.

Hamburger casserole (Kansas)- un piatto cucinato al forno a base di pasta, carne macinata e verdure.

Chislic (South Dakota)-  cubetti di manzo infilzati su stuzzicadenti.

Lutefisk (North Dakota)- è composto da stoccafisso o merluzzo salato ed essiccato, marinato nella liscivia. Tale procedura dà al pesce un odore estremamente forte e pungente e una tipica e particolare consistenza gelatinosa.

Handheld meat pies (Nebraska)- tortine di carne e verdure avvolte da pasta sfoglia.

Sport

A Kansas City e St. Louis si trovano le uniche squadre professionistiche di baseball e football Americano (Kansas City Chiefs e St. Louis Rams).

In molti stati della regione ci sono anche squadre di baseball di categorie inferiori, con giocatori emergenti e stadi più piccoli e più accoglienti.

L’Iowa è il più indicato per chi vuole seguire le formazioni di Minor League: ci sono squadre di classe A a Burlington, Cedar Rapids, Clinton e Devenport, e una versione di AAA dei Chicago Cubs a Des Moines.

Football e basket a livello universitario sono molto seguiti, soprattutto negli stati più a sud. L’annuale sfida Kansas-Kansas State nel campionato universitario di football è caratterizzata da una sentita rivalità.

Musica e suoni

La musica delle Grandi Pianure è caratterizzate dalle tradizioni dei nativi americani ed è un musica monofonica.  In via di principio, la musica nativa tradizionale prevede i tamburi e flauti e altri pochi altri strumenti.  Il suono dei flauti non è sempre uguale in quanto cambia a seconda della lunghezza del legno usato e dalla grandezza della mano del suonatore.

Il pow-wow è la musica dei nativi americani più diffusa negli Stati Uniti.

I suonatori si siedono in cerchio intorno a un grande tamburo e suonano all’unisono mentre cantano nelle loro lingue native. Intorno a loro ci sono i danzatori dai vestiti sgargianti che si esibiscono in danze tribali.

La musica e la danza sono parte importante della cultura dei nativi, infatti dedicano gran parte del loro tempo alle attività artistiche. Mentre l’attività lavorativa è ridotta al minimo necessario per la sopravvivenza.

I suoni dei nativi americani li ritroviamo tutt’oggi nella musica di molti artisti pop e rock, come ad esempio Robbie Robertson (The Band, con Bob Dylan).