Fiabe, miti e leggende

Nelle Grandi Pianure americane si raccontano diverse storie tramandate dai nativi americani i quali credevano che i primi animali sulla terra fossero simili agli esseri umani per aspetto e capacità intellettive. Questi esseri ben presto scomparvero, anche se dalle storie non ne emerge il motivo, e così vennero sostituiti dagli uomini di oggi. Le leggende narrano diverse storie di eroi, situazioni umoristiche, tragedie, fiabe e miti rituali con animali in condizioni di parità rispetto agli umani.

La maggior parte delle leggende si basa su storie di vicende reali, e ogni posto ha una specie di eroe nazionale. Gli eroi di queste epoche (VIII o al IX secolo) sono rappresentati da fatti e capacità prodigiose. Questi salvavano i popoli dalle catastrofi e amministravano e conducevano le tribù. Una delle leggende più complete, sopravvissuta fino ad oggi, è quella di Motzeyouf, o Stregone Dolce. Fu Motzeyouf che portò agli Cheyenne le quattro frecce sacre e che istituì la società di guerrieri della tribù, fra cui quella famosa dei Cani Guerrieri. Lo Stregone Dolce fu anche profeta e avvertì i popoli dell’arrivo degli uomini bianchi e barbuti.

Per quanto riguarda i miti, è interessante la visione dell’origine del mondo raccontata attraverso “il Vecchio”, il loro Dio che creò tutte le cose sulla terra, con particolari relativi all’origine dei bisonti, mais, fuoco e dei differenti idiomi.

 

Cultura

Le distese naturali, come ampi spazi di terre fertili, formano la base dell’identità della regione. Le città più grandi, come Tulsa, St. Louis, Kansas City e Oklahoma City, ospitano la maggioranza della popolazione di questi stati, così come dei musei, dei monumenti storici e un’ampia gamma di alberghi e ristoranti.

Per apprezzare meglio la cultura della regione, bisogna trascorrere qualche tempo nelle più piccole cittadine rurali.

Le Grandi Pianure sono un’area prevalentemente conservatrice, che conta tra i suoi valori predominanti il patriottismo e la religione. E’ anche una zona che conta diverse tradizioni politiche e culturali. Ad esempio, Kansas fu uno dei primi teatri della lotto contro la schiavitù.

Religione

Sul territorio di questa vasta area si registrano diverse sette religiose non conformiste, come i mennoniti, provenienti dalla regione germanofone della Russia, che si stabilirono nel centro del Kansas e dei due Dakota.

Le religione di matrice Cristiana costituisce circa l’82% dei quali il 60% sono Protestanti, 14% Battisti, 14% Metodisti, 4%  Luterani, 3% Presbiteriani, 3% Mormoni, 1% Anabattisti, 21% Altri Protestanti, 20% Cattolici, 2% Altri Cristiani, 1% Altro e  17% Atei.

Economia e politica

L’agricoltura è la principale attività economia di queste zone.  Ma una parte rilevante costituisce anche l’estrazione di risorse minerarie come il petrolio, gas e bromo. Inoltre, gli altri rami sono: l’industria alimentare, il commercio e l’allevamento.

Ad esempio, il Dakota del Nord possiede l’unica banca controllata direttamente dallo Stato, la Bank of North Dakota, e un impianto per la macinazione della farina, la North Dakota Mill and Elevator.

Nel Kansas, i settori che forniscono più posti di lavoro sono: i servizi, l’industria e il commercio. Il territorio del Kansas è occupato prevalentemente da fattorie, per un 40 % dell’area complessiva. Il settore agricolo è dedicato alla coltivazione di grano, orzo, soia, riso (maggior produttore) e cotone.

L’Arkansas è anche uno dei maggiori produttori di polli, anatre, uova e bovini. E’ molto sviluppato anche l’allevamento ittico che genera alti introiti allo stato. I boschi permettono la produzione di legname, soprattutto legname per mobilifici. Su questo territorio, inoltre, si trova l’unica miniera di diamanti degli Stati Uniti.

Clima

Il clima della regione delle Grandi Pianure non si può definire mite in quanto si verificano alcune condizioni estreme, come i tornado, violente tempeste di vento che si formano quasi senza preavviso alla fine della primavera e sono molto frequenti lunga la “Tornado Alley” che percorre l’est del Kansas, dem Missouri e dell’Oklahoma.

La regione è colpita da altre eventi atmosferici, come piogge che provocano alluvioni, estati calde e umide e inverni con venti gelidi.

Storia

Nel XVII e XVIII secolo, commercianti e cacciatori di pellicce esplorarono la regione, entrando in contatto con le diverse tribù di Nativi americani che vi risiedevano. Si andava da tribù sedentarie dedite all’agricoltura come le popolazioni Caddo e Mandan agli indiani Pawnee, Osage e Comanche, la cui sopravvivenza era legata alla caccia dei bisonti che si spostavano in branchi.  Con l’insediamento degli europeai sulla East Coasta, altre tribù si spostarono verso ovest, arrivando nella Grandi Pianure.

La più tragica di queste migrazioni di massa si ebbe nel 1838, quando la nazione Cherokee fu costretta a cedere tutte le terre a est del fiume Mississippi. In cambio venne loro garantita terra “finchè l’erba crescerà e l’acqua scorrerà” in quello che venne definito Indian Teritory (l’odierno Oklahoma). Più di 4000 persone morirono di fame, malattie e stenti durante il tragitto dal North Carolina all’Oklahoma lungo quella che fu chiamata “Trailo of Tears”, la pista del pianto. L’influenza dei Nativi americani su questa regione è difficile da qualificare, ma ha lasciato in eredità molti nomi geografici, compresi quelli dei singoli stati: Iowa, Missouri, Oklahoma, Kansas, Nebraska e Dakota.

Tra i primi americani a esplorare la zona ci furono i leggendari Lewis e Clark, le cui spedizioni fino all’oceano Pacifico richiesero quasi tre anni, tra il 1803 e il 1806.

Per quanto i loro viaggi fossero importanti, il maggior contributo alla conoscenza della regione si deve probabilmente all’ultimo viaggio del principe tedesco Massimiliano.

I suoi diari, assieme ai disegni e ai dipinti del pittore Karl Bodmer che ritraevano gli indiani della zona, vennero pubblicati in Germania nel 1838, facendo conoscere le Grandi Pianure a livello internazionale.

Queste spedizioni partirono tutte da St. Louis, la città più antica dell’area, fondata dai francesi come avamposto per il commercio di pellicce.

A metà del XIX secolo sorse anche Kansas City, punto di sosta per i pionieri che attraversavano le Grandi Pianure seguendo le piste di Santa Fe, California e Oregon.

Dopo la guerra di Secessione una serie di linee ferroviarie transcontinentali seguirono gli stessi percorsi, riducendo tempo e costo dei trasporti. La ferrovia, però, tagliava in due le rotte migratorie dei bisonti, il cui numero calò da milioni di capi fin quasi all’estinzione. Con la ferrovia, sempre più ampie porzioni di territorio furono rese disponibili ai coloni, mentre gli indiani venivano costretti nelle riserve.

Sorsero fattorie a conduzione familiare, dedite alla coltivazione del grano e del mais e all’allevamento di vacche e maiali, che caratterizzano tuttora la regione, anche se molte gestite su scala industriale.

Il momento di massimo sviluppo agricolo fu intorno alla prima guerra mondiale, quando il prezzi dei prodotti erano alti la meccanizzazione non aveva ancora rimpiazzato gli aratri trainati da cavalli l’alto impiego di manodopera. Dopo la guerra subentrò la crisi, dovuta alla siccità trasformando la zona in deserto, e circa 200.000 agricoltori furono costretti a trasferirsi in California.

Ambiente

Le Grandi Pianure si trovano al centro degli Stati Uniti, sia in senso geografico che metaforico. Anche se gli abitanti delle grandi metropoli della costa est e ovest sono soliti ironizzare sulla mancanza di raffinatezza di questa regione, la gente delle Grandi Pianure va fiera dei valori e dello stile di vita tradizionale, facendo di questa zona un’ideale quintessenza di tutto ciò che è americano.

Scheda sintetica paese

Stati: Dakota del Nord; Dakota del Sud; Nebraska; Kansas; Oklahoma.

Capitale:

Dakota del Nord – Bismarck

Dakota del Sud – Pierre

Nebraska  – Lincoln

Kansas – Topeka

Oklahoma – Oklahoma City

 

Popolazione:

Dakota del Nord – 6.996.28

Dakota del Sud – 8.333.54

Nebraska  – 1.845.525

Kansas – 2.904.021

Oklahoma – 3.751.351

 

 

Superficie:

Dakota del Nord – 183.272 km²

Dakota del Sud – 199.905 km²

Nebraska  – 200.520 km²

Kansas – 213.096 km²

Oklahoma – 181.195 km²

Montana – 381.154 km²

 

Moneta: dollaro americano

Ambasciata italiana: Competenza territoriale Chicago 500 North Michigan Avenue, Suite 1850 – Chicago, Illinois 60611

Houston: Post Oak Boulevard Suite 660 – Houston, Texas 77056

Fuso orario: UTC-6, -7

Prefisso telefonico: 001

Corrente elettrica:  110 V 60 Hrz Presa di tipo lamellare