Località da visitare

Vecchia San Juan: Passeggiata, shopping, architettura, vita notturna e storia.

Forte San Felipe del Morro: Architettura, castello

La Fortaleza: Storia, sito storico, architettura

Cathedral of San Juan Bautista

Sito storico nazionale di San Juan

Museo de Arte de Ponce

Isla Verde, Puerto Rico: Spiaggia

Museum of Art of Puerto Rico

Condado Beach: Spiaggia

Caja de Muertos: spiaggia

Culebrita: Faro, spiaggia

Crash Boat Beach. Spiaggia

Luis A. Ferré Performing Arts Center

Parque de Bombas: Storia, museo

Hacienda Buena Vista: Natura

Isla Palominos

El Yunque: Foresta pluviale, montagna, foresta, cascata

Cattedrale di Nostra Signora di Guadalupe

San José Church: Chiesa, architettura

Casa Blanca: Museo

Jobos Beach

Spiaggia: Pozo de Jacinto

Piñones State Forest: Foresta, spiaggia, natura

Culebra National Wildlife Refuge: Natura, area naturale protetta

Guajataca Lake: Foresta, lago, campeggio, grotta, fiume

Museo de la Historia de Ponce: Museo

Zoo di Mayaguez: Giardino zoologico

Puerto Rico Museum of Contemporary Art: Museo, arte

Teatro La Perla: Teatro

Museo de la Música Puertorriqueña: Musica, museo

Arecibo Light: Faro

Cayo Luis Peña: Snorkeling, area naturale protetta, spiaggia, natura

San Juan Marriott Resort & Stellaris Casino: Casa da gioco, luna di miele

Parque de la Ceiba

Isla de Ratones: Snorkeling

Paseo Tablado La Guancha

Albergue Olímpico: Parco acquatico

Punta Higuero Light: Faro

Las Cascadas Water Park: Parco acquatico, parco

Casa Alcaldia de Ponce-City Hall

Cayo Santiago

Isla de Cabras: Pesca, esterni, parco, spiaggia

Fortín de San Gerónimo

Aguadilla Ice Skating Arena: pattinaggio su ghiaccio, arena

Castello di San Cristóbal: Castello, rovine, storia

Puerto Nuevo

Joyuda Lagoon: Laguna

Cosa fare

Le migliori spiagge di San Juan si trovano sull’ isola Verde e a Condado. Coloro che invece vogliono evitare la città possono recarsi presso la pittoresca Luquillo, 30km a est della capitale.

Le spiagge della costa meridionale, rispetto a quelle della costa atlantica, sono più riparate e il mare è più calmo e più adatto per nuotare.

Nella zona occidentale si trovano diverse bellissime spiagge: tra tutte vale la pena di nominare la famosa Boqueron. Le immersioni a Portorico vengono praticate ad alcuni chilometri dalla costa perché la visibilità in acqua vicino alla costa è spesso ridotta dalla corrente del fiume.

Il miglior luogo per fare le immersioni è situato presso un canyon sottomarino profondo 9km sulla cui cima si trova l’isola Desecheo.

Ulteriori siti di immersioni si trovano presso la costa nord-occidentale, accanto a Isabela e Aguadilla ove però non sempre vi sono ottime condizioni del mare che non consentono un’ottima visibilità.

Ulteriori località eccellenti sono La Parguera, vicino alla costa sud-occidentale; le isole di Culebra e Vieques, vicino a Fajardo e Humacao, a sud di Fajardo.

 

Altri punti stupendi sono l’isoletta deserta di Palomenitos vicino alla costa di Fajardo e l’isola Mona.

La zona migliore per praticare il surf è la costa nord-occidentale, tra Rincon e Isabela, e il periodo più adatto va da ottobre ad aprile.

Gli appassionati di windsurf giungono sull’isola anche durante il periodo invernale per sfruttare i venti che soffiano sulla costa atlantica del nord, specialmente nei pressi di Isla Verde.

Per gli amanti della vela, Fajardo è il principale centro per la navigazione; qui troverete molte imbarcazioni in affitto.

San Juan è il miglior posto dove procurarsi gli strumenti per la pesca subacquea.

Nell’entroterra dell’isola invece è possibile effettuare escursioni, specie nella foresta di El Yunque, nella regione calcarea delle grotte del Rio Camuy e, per chi ama il birdwatching, lungo la costa meridionale, nella Riserva di Guanica.

Consigliamo di visitare le ampie zone sotterranee del fiume Camuy, possibilmente accompagnati da guide del Parco Nazionale. Chi non ha esperienza può prendere un trenino, che entra in una grotta passando attraverso un tunnel.

Lo sport degli aquiloni è diffuso sui verdi e ventosi pendii nei pressi di El Morro, a San Juan, che è considerato il miglior posto al mondo per farli volare.

Eventi e festività

Le feste religiose seguono praticamente il calendario liturgico cattolico. A Portorico vengono festeggiati due giorni dell’Indipendenza, il 4 luglio e il 25 luglio.

Ogni 19 novembre viene commemorato il giorno della scoperta dell’isola da parte di Cristoforo Colombo.

Il 22 novembre è la festa di Thanksgiving, tipicamente americana.

La vita culturale e festiva è molto intensa. Ci sono numerose feste come quella che si svolge alla Calle di San Sebastian a San Juan il 17 gennaio con danzatori di salsa e di merengue indiavolati.

Il Cinemafest di San Juan durante il quale i film americani ed europei più recenti vengono proiettati è diventato uno degli eventi più importanti della vita culturale portoricana.

Il Carnevale di Ponce è molto rinomato.

Trasporti e comunicazioni

L’aeroporto internazionale di Luis Munoz Marin si trova 15 chilometri ad est di San Juan. Dall’aeroporto è disponibile delle linee di autobus T1, M7 o A7 che servono Isla Verde, Condado e San Juan.

E’ possibile anche noleggiare un’automobile presso una delle numerose compagnie direttamente rappresentate all’aeroporto. I taxi hanno prezzi fissi verso Isla Verde e Punta Las Marias, verso Condado, Ocean Park o Miramar e verso le antiche San Juan e Puerta de Tierra. È meglio pagare il prezzo della corsa prima della partenza rivolgendosi ad una delle hostess all’aeroporto.

Per quanto riguarda la rete di autobus, non esiste un servizio regolare di autobus per spostarsi sull’isola, salvo a San Juan. In compenso, i “carros publicos” o “guaguas” ti condurranno in vari punti dell’isola. Solitamente partono dalle piazze centrali delle città. Sono molto economici ma necessitano di grande pazienza perchè raramente partono prima di essere al completo, il ché significa aspettare da 10 minuti ad alcune ore, a seconda dei giorni e delle destinazioni.

Situazione sanitaria

Non è obbligatorio alcuna vaccinazione. Tuttavia, assicuratevi di essere protetti contro la poliomielite, la difterite e il tetano. Le cure mediche sono di eccellente qualità ma sono estremamente costose. Prima di partire è quindi consigliabile sottoscrivere un’assicurazione sanitaria per il rimpatrio.

Si consiglia di bere l’acqua in bottiglia e non quella del rubinetto, anche se potabile.

Sicurezza

Puerto Rico non è una meta particolarmente pericolosa. Per sicurezza, evita comunque di lasciare oggetti di valore in bella vista: se possibile riponeteli nella cassaforte dell’albergo.

Passaporto e visto

A partire dal 30 novembre 2006, le autorità americane richiedono ai viaggiatori italiani un passaporto “biometrico” qualora desiderino visitare anche gli Stati Uniti per un soggiorno turistico o d’affari inferiore ai 90 giorni.

Esiste comunque, dal 26 ottobre 2004, l’obbligo di presentare un passaporto a lettura ottica.

I viaggiatori in possesso di un passaporto del vecchio tipo dovranno richiedere un visto americano per un soggiorno turistico inferiore ai 90 giorni (da richiedere al consolato degli Stati Uniti).

Per i visitatori in possesso di un passaporto a lettura ottica non è richiesto nessun visto.

Indirizzi e numeri utili

Consolato d’Italia

Av. Honorary Consulate Calle Interamericana, 266 Urb. University Gardens Guaynabo, 27 PR 00927-4133, à San Juan. Tel: [1] (787) 767-5855

Puerto Rico Tourism Company

La Princesa Bldg. #2 Paseo La Princesa, Old San Juan, P.R. 00902. P.O. Box 902-3960. San Juan, P.R. 00902-3960. Tel.: (787) 721-2400

o 1-800-866-7827 (numero gratuito).

Curiosità

E’ molto curioso l’aspetto culturale di questo paese, che è frutto dell’unione di numerose altre culture, tra cui se ne distinguono quattro principali: taino, spagnola, africana e statunitense. Dai nativi Taino i portoricani hanno ereditato molti nomi di città, di alimenti e di oggetti. Dai coloni spagnoli la lingua spagnola, la religione cattolica e la maggior parte delle tradizioni. Dagli schiavi africani particolari tipi di musica e danza come la bomba e la plena e dagli statunitensi la lingua inglese e il sistema universitario.

Gastronomia

I piatti portoricani sono deliziosi, frutto di un mix gastronomico di cucina precolombiana (degli arauchi e dei caribi) con quella africana, francese, spagnola, inglese, indù e indonesiana. Sono molto utilizzati i frutti, come il mango, papaia, avocado, su pietanze, contorni e, ovviamente, sui succhi e sui drink anche alcolici. Nelle esplorazioni gastronomiche locali, è assente la carne bovina, infatti si consuma solo con pollo, maiale, montone, pesce e crostacei si ha la certezza della freschezza.

Per quanto riguarda le bevande è molto buona la birra, invece il vino si trova solo nei ristoranti internazionali. Il Caribe è il paradiso del rum, degli amari di angostura e del liquore curaçao dell’omonima isola. Tra i cocktail vi si trovano i famosissimi Piña colada e Cuba libre.

I piatti tipici del Porto Rico sono:

  • Accra (Accra mori, acrat de morue, acra l’en morue) – Crocchette di merluzzo solitamente servite per accompagnare i drink.
  • Bacalaitos
  • Arroz y abichuelas (riso e piselli)
  • Asopao – Minestra di riso con pezzi di pollo, gamberetti, granchio o aragosta.
  • Coonkie – Plantano tritato e avvolto in foglie di banano, quindi bollito con cannella.
  • Foo-foo – Gnocchi di crema di plantano serviti in brodo.
  • Escalope de veau San Juan (Portorico) – Fettine di vitello preparate con gamberi con asparagi e cosparse di salsa a base di dragoncello, prezzemolo, burro, cipolla e tuorli d’uovo.
  • Flying fish – Il pesce volante viene di solito servito fritto.
  • Pasteles (Porto Rico) – Pasticcio di carne con plantano bollito.