Trasporti e comunicazioni

L’aeroporto internazionale di Luis Munoz Marin si trova 15 chilometri ad est di San Juan. Dall’aeroporto è disponibile delle linee di autobus T1, M7 o A7 che servono Isla Verde, Condado e San Juan.

E’ possibile anche noleggiare un’automobile presso una delle numerose compagnie direttamente rappresentate all’aeroporto. I taxi hanno prezzi fissi verso Isla Verde e Punta Las Marias, verso Condado, Ocean Park o Miramar e verso le antiche San Juan e Puerta de Tierra. È meglio pagare il prezzo della corsa prima della partenza rivolgendosi ad una delle hostess all’aeroporto.

Per quanto riguarda la rete di autobus, non esiste un servizio regolare di autobus per spostarsi sull’isola, salvo a San Juan. In compenso, i “carros publicos” o “guaguas” ti condurranno in vari punti dell’isola. Solitamente partono dalle piazze centrali delle città. Sono molto economici ma necessitano di grande pazienza perchè raramente partono prima di essere al completo, il ché significa aspettare da 10 minuti ad alcune ore, a seconda dei giorni e delle destinazioni.

Situazione sanitaria

Non è obbligatorio alcuna vaccinazione. Tuttavia, assicuratevi di essere protetti contro la poliomielite, la difterite e il tetano. Le cure mediche sono di eccellente qualità ma sono estremamente costose. Prima di partire è quindi consigliabile sottoscrivere un’assicurazione sanitaria per il rimpatrio.

Si consiglia di bere l’acqua in bottiglia e non quella del rubinetto, anche se potabile.

Sicurezza

Puerto Rico non è una meta particolarmente pericolosa. Per sicurezza, evita comunque di lasciare oggetti di valore in bella vista: se possibile riponeteli nella cassaforte dell’albergo.

Passaporto e visto

A partire dal 30 novembre 2006, le autorità americane richiedono ai viaggiatori italiani un passaporto “biometrico” qualora desiderino visitare anche gli Stati Uniti per un soggiorno turistico o d’affari inferiore ai 90 giorni.

Esiste comunque, dal 26 ottobre 2004, l’obbligo di presentare un passaporto a lettura ottica.

I viaggiatori in possesso di un passaporto del vecchio tipo dovranno richiedere un visto americano per un soggiorno turistico inferiore ai 90 giorni (da richiedere al consolato degli Stati Uniti).

Per i visitatori in possesso di un passaporto a lettura ottica non è richiesto nessun visto.

Indirizzi e numeri utili

Consolato d’Italia

Av. Honorary Consulate Calle Interamericana, 266 Urb. University Gardens Guaynabo, 27 PR 00927-4133, à San Juan. Tel: [1] (787) 767-5855

Puerto Rico Tourism Company

La Princesa Bldg. #2 Paseo La Princesa, Old San Juan, P.R. 00902. P.O. Box 902-3960. San Juan, P.R. 00902-3960. Tel.: (787) 721-2400

o 1-800-866-7827 (numero gratuito).

Curiosità

E’ molto curioso l’aspetto culturale di questo paese, che è frutto dell’unione di numerose altre culture, tra cui se ne distinguono quattro principali: taino, spagnola, africana e statunitense. Dai nativi Taino i portoricani hanno ereditato molti nomi di città, di alimenti e di oggetti. Dai coloni spagnoli la lingua spagnola, la religione cattolica e la maggior parte delle tradizioni. Dagli schiavi africani particolari tipi di musica e danza come la bomba e la plena e dagli statunitensi la lingua inglese e il sistema universitario.

Gastronomia

I piatti portoricani sono deliziosi, frutto di un mix gastronomico di cucina precolombiana (degli arauchi e dei caribi) con quella africana, francese, spagnola, inglese, indù e indonesiana. Sono molto utilizzati i frutti, come il mango, papaia, avocado, su pietanze, contorni e, ovviamente, sui succhi e sui drink anche alcolici. Nelle esplorazioni gastronomiche locali, è assente la carne bovina, infatti si consuma solo con pollo, maiale, montone, pesce e crostacei si ha la certezza della freschezza.

Per quanto riguarda le bevande è molto buona la birra, invece il vino si trova solo nei ristoranti internazionali. Il Caribe è il paradiso del rum, degli amari di angostura e del liquore curaçao dell’omonima isola. Tra i cocktail vi si trovano i famosissimi Piña colada e Cuba libre.

I piatti tipici del Porto Rico sono:

  • Accra (Accra mori, acrat de morue, acra l’en morue) – Crocchette di merluzzo solitamente servite per accompagnare i drink.
  • Bacalaitos
  • Arroz y abichuelas (riso e piselli)
  • Asopao – Minestra di riso con pezzi di pollo, gamberetti, granchio o aragosta.
  • Coonkie – Plantano tritato e avvolto in foglie di banano, quindi bollito con cannella.
  • Foo-foo – Gnocchi di crema di plantano serviti in brodo.
  • Escalope de veau San Juan (Portorico) – Fettine di vitello preparate con gamberi con asparagi e cosparse di salsa a base di dragoncello, prezzemolo, burro, cipolla e tuorli d’uovo.
  • Flying fish – Il pesce volante viene di solito servito fritto.
  • Pasteles (Porto Rico) – Pasticcio di carne con plantano bollito.

Sport

Porto Rico ha una squadra olimpica sia per i Giochi olimpici estivi sia per quelli invernali.

Possiede inoltre squadre di livello nazionale in molte altre manifestazioni ed eventi sportivi, tra cui i Giochi panamericani, le Serie dei Caraibi e i Giochi centramericani e caraibici.

Gli sport più popolari sono il pugilato, il wrestling, la pallacanestro, la pallavolo e il baseball, che è anche quello più praticato ed è quindi considerato lo sport nazionale.Infatti ha un proprio torneo di baseball professionale che si gioca durante la stagione invernale.

Inoltre, il Porto Rico partecipa inoltre ai Campionati mondiali di baseball dove ha finora ottenuto una sola vittoria al primo posto e poi quattro secondi posti e quattro terzi posti.

Il secondo sport più amato e praticato è la pallacanestro. L’8 agosto 2004 è diventata una data memorabile per lo sport a Porto Rico, dal momento che la nazionale di pallacanestro portoricana è riuscita a battere il Dream Team statunitense ad Atene, in Grecia, durante i Giochi olimpici estivi. Tra i protagonisti della vittoria portoricana figurano Carlos Arroyo, il campione degli Orlando Magic, e Daniel Santiago, conosciuto in Italia per aver giocato nella Pallacanestro Virtus Roma e per aver vinto uno scudetto con la Pallacanestro Varese. Grande figura di spicco dello sport del paese è il leggendario pugile Félix Trinidad.

Film

  • The Adventurers
  • After Twenty Years: Puerto Rico
  • Assassins (filmato a San Juan)
  • Back in the Day
  • Bad Boys II (filmato a Porto Rico e ambientato a Cuba)
  • El Cantante, (con Marc Anthony e Jennifer Lopez)

Musica e suoni

Lo stile musicale associato a Porto Rico è il reggaeton, nonostante abbia origini giamaicane. Si dice che sia stato il brano dancehall “dem bow” dell’artista giamaicano Shabba Ranks, uscito nel luglio del 1991, a decretare la nascita dei primi pezzi reggaeton, una volta arrivato alle orecchie dei giovani di Porto Rico.

Tra gli esponenti principali della musica portoricana abbiamo Daddy Yankee, ovvero Ramón Luis Ayala Rodríguez, nato a San Juan, 3 febbraio 1977, è un cantante, rapper, produttore cinematografico, conduttore radiofonico ed imprenditore portoricano. E’ uno degli artisti del XXI secolo più influenti del suo genere tale che la critica lo definisce come El Rey (Il Re) del Reggaeton.

William Omar Landrón, molto conosciuto con il nome d’arte Don Omar, è un compositore e attore portoricano.